LECTURA DANTIS
Dedica
Prefazione
Canto I Nel mezzo del cammin di nostra vita
InfernoPurgatorio Paradiso
Canto II Lo giorno se n'andava, e l'aere bruno Canto I Per correr migliori acque alza le vele Canto I La gloria di colui che tutto move
Canto III "Per me si va nella città dolente Canto II Già era 'l sole a l'orizzonte giunto Canto II O voi che siete in piccioletta barca,
Canto IV Ruppemi l'alto sonno nella testa Canto III Avvegna che la subitana fuga Canto III Quel sol che pria d'amor mi scaldò 'l petto,
Canto V Così discesi del cerchio primaio Canto IV Quando per dilettanze o ver per doglie, Canto IV Intra due cibi, distanti e moventi
Canto VI Al tornar de la mente, che si chiuse Canto V Io era già da quell'ombre partito, Canto V "S'io ti fiammeggio nel caldo d'amore
Canto VII "Papé Satàn, papé Satàn aleppe!" Canto VI Quando si parte il gioco de la zara, Canto VI "Poscia che Costantin l'aquila volse
Canto VIII Io dico, seguitando, ch'assai prima Canto VII Poscia che l'accoglienze oneste e liete Canto VII "Osanna, sanctus Deus sabaoth,
Canto IX Quel color che viltà di fuor mi pinse, Canto VIII Era già l'ora che volge il disio Canto VIII Solea creder lo mondo in suo periclo
Canto X Ora sen va per un secreto calle, Canto IX La concubina di Titone antico Canto IX Da poi che Carlo tuo, bella Clemenza,
Canto XI In su l'estremità d'un'alta ripa Canto X Poi fummo dentro al soglio de la porta Canto X Guardando nel suo Figlio con l'Amore
Canto XII Era lo loco ov'a scender la riva Canto XI "O padre nostro, che ne' cieli stai, Canto XI O insensata cura de' mortali,
Canto XIII Non era ancor di là Nesso arrivato, Canto XII Di pari, come buoi che vanno a giogo, Canto XII Sì tosto come l'ultima parola
Canto XIV Poi che la carità del natio loco Canto XIII Noi eravamo al sommo de la scala Canto XIII Imagini chi bene intender cupe
Canto XV Ora cen porta l'un de' duri margini; Canto XIV "Chi è costui che 'l nostro monte cerchia Canto XIV Dal centro al cerchio, e sì dal cerchio al centro
Canto XVI Già era in loco onde s'udia 'l rimbombo Canto XV Quanto tra l'ultimar de l'ora terza Canto XV Benigna volontade in che si liqua
Canto XVII "Ecco la fiera con la coda aguzza Canto XVI Buio d'inferno e di notte privata Canto XVI O poca nostra nobiltà di sangue,
Canto XVIII Luogo è in inferno detto Malebolge, Canto XVII Ricorditi, lettor, se mai ne l'alpe Canto XVII Qual venne a Climenè, per accertarsi
Canto XIX O Simon mago, o miseri seguaci Canto XVIII Posto avea fine al suo ragionamento Canto XVIII Già si godea solo del suo verbo
Canto XX Di nova pena mi conven far versi Canto XIX Ne l'ora che non può il calor diurno Canto XIX Parea dinanza a me con l'ali aperte
Canto XXI Così di ponte in ponte, altro parlando Canto XX Contra miglior voler voler mal pugna; Canto XX Quando colui che tutto 'l mondo alluma
Canto XXII Io vidi già cavalier muover campo, Canto XXI La sete natural che mai non sazia Canto XXI Già eran li occhi miei rifissi al volto
Canto XXIII Taciti, soli, sanza compagnia Canto XXII Già era l'angel dietro a noi rimaso, Canto XXII Oppresso di stupore, a la mia guida
Canto XXIV In quella parte del giovanetto anno Canto XXIII Mentre che li occhi per la fronda verde Canto XXIII Come l'augello, intra l'amate fronde,
Canto XXV Al fine delle sue parole il ladro Canto XXIV Né 'l dir l'andar, né l'andar lui più lento Canto XXIV "O sodalizio eletto a la gran cena
Canto XXVI Godi, Fiorenza, poi che se' sì grande, Canto XXV Or era onde ìl salir non volea storpio; Canto XXV Se mai continga che 'l poema sacro
Canto XXVII Già era dritta in su la fiamma e queta Canto XXVI Mentre che sì per l'orlo, uno innanzi altro, Canto XXVI Mentr'io dubbiava, per lo viso spento,
Canto XXVIII Chi poria mai pur con parole sciolte Canto XXVII Sì come quando i primi raggi vibra Canto XXVII "Al Padre, al Figlio, a lo Spirito Santo"
Canto XXIX La molta gente e le diverse piaghe Canto XXVIII Vago già di cercar dentro e dintorno Canto XXVIII Poscia che 'ncontro a la vita presente
Canto XXX Nel tempo che Iunone era crucciata Canto XXIX Cantando come donna innamorata, Canto XXIX Quando ambedue li figli di Latona,
Canto XXXI Una medesma lingua pria mi morse, Canto XXX Quando il settentrion del primo cielo, Canto XXX Forse seimila miglia di lontano
Canto XXXII S'io avessi le rime aspre e chiocce, Canto XXXI "O tu che se' di là dal fiume sacro," Canto XXXI In forma dunque di candida rosa
Canto XXXIII La bocca sollevò dal fiero pasto Canto XXXII Tant'eran li occhi miei fissi e attenti Canto XXXII Affetto al suo piacer, quel contemplante
Canto XXXIV "Vexilla regis prodeunt inferni Canto XXXIII 'Deus, venerunt gentes', alternando Canto XXXIII "Vergine madre, figlia del tuo figlio,